Intesi Group il primo reseller Enterprise in Italia di Adobe Sign

Intesi Group il primo reseller Enterprise in Italia di Adobe Sign:
da oggi il processo di trasformazione digitale sarà più rapido, semplice e sicuro

 

Milano, 12 maggio 2020 – Intesi Group, società privata e prestatore accreditato in Italia ed in Europa per l’erogazione di Servizi Fiduciari, aderisce all’Adobe Sign Partner Program, diventando il primo reseller Enterprise italiano e il secondo in Europa, di Adobe Sign.

 

Una partnership che renderà l’esperienza di gestione digitale dei documenti snella ed efficace, per tutte le realtà aziendali.

 

In un momento complesso, in cui molte aziende stanno ancora utilizzando lo smart working e – soprattutto – stanno ripensando al proprio modo di gestire le relazioni con i dipendenti, clienti, fornitori e partner, diventa ancora più importante disporre di soluzioni efficaci, sicure e semplici. Con Adobe Sign le procedure di assunzione, la firma di documenti amministrativi, la sottoscrizione di contratti e tutti i processi approvativi, sia interni che esterni all’azienda, possono essere gestiti in modo veloce, affidabile e con un’esperienza utente semplice e dall’utilizzo intuitivo, sia su PC che in mobilità.

 

Ed è proprio per favorire l’operatività e l’efficienza delle aziende in questo momento di difficoltà e di trasformazione che Adobe, in collaborazione con Intesi Group, rende disponibile una licenza TRIAL gratuita di Adobe Sign della durata di 90 giorni per le aziende che la richiederanno entro il 31 maggio 2020.

L’integrazione tra i certificati di firma digitale di Intesi Group e Adobe Sign consentirà la realizzazione di workflow – anche molto complessi – di approvazione e firma di documenti. Gli utenti avranno inoltre la possibilità di apporre digitalmente sia firme elettroniche avanzate che qualificate, con piena validità legale.

 

Fare squadra con Adobe ci permette di fornire al mondo delle aziende italiane una soluzione completa e integrata, che favorisca l’accelerazione della trasformazione digitale di ogni tipo di business, migliorando in modo rilevante anche la user experience – afferma Paolo Sironi, CEO di Intesi GroupCon questa partnership, praticamente tutti i processi aziendali possono finalmente passare al digitale in modo semplice e sicuro. Riteniamo che in questo specifico momento storico, e soprattutto da qui in avanti, molte aziende troveranno beneficio dalla possibilità di firmare/condividere/approvare documenti senza spreco di carta, senza contatto in presenza, in qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo. Ad esempio, pensiamo a come possa diventare più immediato il processo in ambito nuove assunzioni, oppure l’accettazione dei pagamenti digitali, oppure la sottoscrizione di un contratto a distanza, o ancora come possa essere resa più facile la procedura di accesso a qualsiasi servizio pubblico (anagrafe, comuni, ambulatori, aziende sanitarie e così via)”.

 

Adobe Sign è una piattaforma di firma elettronica flessibile e aperta che consente alle organizzazioni di autenticare le identità dei firmatari a livello locale e di firmare a livello globale – aggiunge Paolo Motta Sr. Partner Manager EMEA Document Cloud Solutionsin qualità di membro fondatore del Cloud Signature Consortium (CSC), Adobe è lieta che Intesi Group condivida la nostra visione di uno standard aperto per le firme elettroniche nel cloud, semplificando la trasformazione digitale di qualsiasi processo di firma, dalla più semplice a quella digitale con valenza legale”.

 

La nuova collaborazione segue l’introduzione del regolamento europeo eIDAS, che rende legalmente possibile firmare documenti elettronici tramite certificati digitali basati su cloud. Si basa su un nuovo standard aperto per le firme digitali remote sviluppato dal Cloud Signature Consortium, un’organizzazione internazionale che vede impegnati player a livello globale, fondata nel 2016 da un ristretto gruppo di pionieri del settore, tra cui Adobe e Intesi Group.

 

Ulteriori informazioni sulla partnership tra Adobe ed Intesi Group sono disponibili qui.

 

Scarica il Comunicato Stampa

 

 

 

 

 

Torna alle News